martedì, Maggio 18

17 Novembre Il passato e il presente, collegati dal filo invisibile della memoria. Ogni giorno, due volte al giorno, vi proponiamo gli eventi più 'attuali' della Storia

0

elisabetta

17 Novembre 1558: Elisabetta I diventa Regina d’Inghilterra. Figlia di Enrico VIII e Anna Bolena, dalla sua ascesa al trono inizierà quella che comunemente è ricordata come ‘Età elisabettiana‘. Donna dalla forte personalità, rifiuterà sempre di sottomettersi ai doveri matrimoniali, diventando una delle più celebri femministe della Storia. Risolleverà le sorti del Paese lacerato da conflitti interni ed esterni, che godrà così sotto il suo Regno di un’ampio sviluppo sia economico (con l’istituzione della Compagnia delle Indie Orientali), che culturale (grazie alla promozione di opere teatrali e letterarie come quelle di William Shakespeare e Christopher Marlowe), segnando, così, l’inizio dell’egemonia britannica sulla scena internazionale.

 

SuezCanalKantara

17 Novembre 1869: viene inaugurato il Canale di Suez. Ideato dal diplomatico francese Jean Marie Lesseps, su progetto dell’ingegnere italiano Luigi Negrelli, il canale artificiale permetteva, ieri come oggi, uno sbocco nel Mare Mediterraneo senza dover necessariamente circumnavigare l’Africa. Pensato già in epoca napoleonica, il canale vide la sua realizzazione dopo dieci anni di intensi lavori e numerose spese ‘fuori programma’( tanto elevate da costringere, anni dopo, l’Egitto a cedere le proprie quote alla Gran Bretagna per sanare una parte dell’elevato debito estero). Per celebrare l’apertura del canale, il Governo egiziano commissionò, al compositore italiano Giuseppe Verdi,  l’opera lirica de l’Aida.

Clicca qui per vedere il video. Seguici anche su YouTube!

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->