mercoledì, Settembre 22

17 Dicembre: Sera field_506ffbaa4a8d4

0

christmas carol

17 Dicembre 1843: viene pubblicato il ‘Canto di Natale’ di Charles Dickens. La popolare favola natalizia di Charles Dickens, diventata un classico immortale della letteratura, esce nella sua prima edizione nelle libreria britanniche. La storia della redenzione del vecchio avaro Scrooge fu concepita dall’Autore come una critica alla società britannica di metà Ottocento: egli voleva raccontare una favola natalizia che non ignorasse i problemi  che affliggevano la popolazione, quali la povertà, lo sfruttamento del lavoro minorile o l’analfabetismo che dilagavano imperanti, ma che li mettesse in evidenza. Il ‘Canto di Natale ‘ è suddiviso in cinque parti, il cui protagonista è Ebenezer Scrooge  un ricco ed avaro vecchio finanziere, talmente attaccato al proprio denaro da non spendere nulla né per se né per gli altri e per il quale il Natale non è altro che una perdita di tempo. Il suo animo esacerbato verrà salvato dall’aiuto del suo vecchio socio in affari , Jacob Marley che, per salvarlo da un destino di morte e solitudine, gli invierà gli spiriti del Natale Passato, Presente e Futuro, che apriranno il suo cuore all’amore e alla misericordia verso il prossimo. Questo racconto breve risollevò le sorti finanziare dello scrittore, ottenendo un successo clamoroso persino alla corte della Regina Vittoria, che gli offrì un lavoro come ‘cantastorie di Corte’, ruolo che tuttavia egli rifiutò. (Clicca qui per vedere il video. Seguici anche su Youtube!)

wright

17 Dicembre 1903:  Il ‘Flyer 1’ dei fratelli Wright compie il suo primo volo . Il primo veicolo motorizzato dei due ingegneri e inventori statunitensi, tra i più importanti aviatori, si alzò in volo il 17 dicembre 1903 dalla cittadina di Kitty Hawk, nel Nord Carolina (USA).  Appassionati di aviazione, usarono i soldi guadagnati con il loro lavoro di venditori di biciclette per finanziare i loro esperimenti sulle macchine volanti. Seguendo le vicende del pioniere dell’aviazione tedesco Otto Lilienthal, che con i suoi alianti e deltaplani era riuscito a compiere voli di notevole lunghezza. intrapresero un’indagine sulle  possibilità del volo umano, studiando con attenzione i problemi di aerodinamica e di controllo del volo, problema fino ad allora ancora irrisolto, per  poi dedicarsi all’installazione di un motore sui velivoli. Le novità che i Wright introdussero con la costruzione del Flyer 1 furono gli impennaggi raddoppiati e il sistema di motopropulsione. Quando Orville prese i comandi per il primo volo con pilota a bordo,  il velivolo decollò, rimanendo in volo per 12 secondi e, dopo aver percorso 36 metri, tornò a terra in un atterraggio relativamente morbido. Nel corso della stessa giornata, alternandosi al posto di pilotaggio, i due fratelli compirono altri tre voli – l’ultimo dei quali, ai comandi di Wilbur, durò 59 secondi e coprì 260 metri. Il volo del monoposto venne visto da molte persone in città, ma i Wright  fecero del loro meglio per evitare di attirare l’attenzione dei mezzi di comunicazione, per evitare di perdere del tempo prezioso e evitato che altri si appropriassero delle loro idee,  non ancora brevettate. Rifiutarono così di eseguire ulteriori dimostrazioni in volo fino al 1908, quando le dimostrazioni eseguite per l’esercito portarono ad un contratto per la fornitura dei primi aerei da guerra.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->