giovedì, Settembre 23

11 settembre: USA potrebbero far causa ad Arabia Saudita field_506ffbaa4a8d4

0

Il Senato degli Stati Uniti ha approvato all’unanimità un disegno di legge che consente, ai sopravvissuti degli attacchi dell’11 settembre, di chiedere un risarcimento da parte del governo dell’Arabia Saudita, se ritenuta responsabile degli attacchi. Il disegno di legge è stato approvato nonostante un recente minaccia della capitale saudita, Riyadh, a ritirare 750 miliardi di dollari di azioni proprie dall’economia degli Stati Uniti, nel timore che questi possano andare perduti, in seguito alla disputa legale.

Finora i familiari delle vittime, e altre associazioni contro funzionari e enti sauditi, hanno presentato dei ricorsi che, tuttavia, sono stati bloccati dalle esistenti norme di legge che garantiscono ai Paesi stranieri un livello di immunità. E, proprio il disegno di legge approvato dal Senato, invece, prescrive un’ eccezione a questa immunità: nel caso in cui una nazione estera venga trovata colpevole o responsabile di attentati ai danni dei cittadini americani nel territorio degli Stati Uniti, questa può incorrere in battaglie legali.

E adesso? Il disegno di legge passerà alla Camera, per il dibattito. Per diventare legge, avrà anche bisogno della firma del presidente Barack Obama, che si dichiara preoccupato e, perciò, ha dichiarato che risponderà col veto, poiché, strappare l’immunità ai governi stranieri rischia di mettere a serio rischio di ritorsioni legali le truppe americane, i civili e le aziende statunitensi che stanno operando all’estero.

La faccenda è complessa, alla luce di alcuni documenti, finora rimasti segreti, che potrebbero essere pubblicati e che potrebbero provare il ruolo dell’Arabia Saudita negli attentati dell’11 settembre. Questo solleverebbe non poche polemiche sugli attentati dell’11 settembre 2001, nei quali migliaia di persone hanno perso la vita e quindici dei diciannove terroristi coinvolti negli attacchi erano di nazionalità saudita.

(Video tratto dal canale Youtube: PressTV New Videos)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->